• Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
   
home Biblioteca Biografia Armando Monasterio

Chi è online

 13 visitatori online
Biografia Armando Monasterio PDF Stampa E-mail

banner_bio_monasterio

Armando Monasterio nacque il 30 agosto 1909 a Mercato S. Severino (SA) e sin dall'infanzia è vissuto a Latiano.
Antifascista, fin dalla prima giovinezza, aderì nel 1931 al PCI (Partito Comunista Italiano). Laureandosi presso l'Università degli studi di Genova in Economia e Commercio, ha diretto l'ufficio di Statistica della Camera di Commercio di Brindisi dal 1934 al 1937. In questi anni organizzò, insieme a pochi altri,  l'attività antifascista clandestina nel territorio di Latiano e di paesi limitrofi.  Nel 1937, a seguito di indagini della polizia segreta fascista, L'O.V.R.A., fu arrestato e dopo il processo davanti alla Commissione per il confino fu condannato e inviato alle isole Tremiti, in seguito fu spostato in uno sperduto paesino della Calabria.
Dopo il rilascio si trasferì in Toscana riprendendo il suo posto nelle organizzazioni clandestine antifasciste.
In quegli anni frequentò gli ambienti universitari di Pisa, dove conseguì nel 1943 la laurea in Farmacia.
Fu menbro del Comitato provinciale di Azione Antifascista e dopo l'8 settembre entrò a far parte, in rappresentanza del PCI del C. L.N. (Comitati di Liberazione Nazionale) della provincia di Pisa, di cui diventò segretario.
Alla fine della guerra ritornò in Puglia, riprendendo il suo posto di lavoro presso la Camera di Commercio di Brindisi, come vice-segretario generale.
Fu segretario della Confederazione Comunista di Brindisi dal 1948 al 1952, membro della  segreteria regionale del PCI, e  componente della Giunta Provinciale Amministrativa, nel 1951 fu eletto  Sindaco di Latiano, carica che ricopre per poche settimane e cui si dimise per portare avanti incarichi politici nazionali.
Dal 1953 fu tra i dirigenti del Movimento Contadino Unitario, promotore e segretario dell'Associazione Nazionale dei Contadini Assegnatari e membri del direttivo dell'Alleanza Nazionale dei Contadini. Nel 1958 fu eletto deputato della Repubblica Italiana nella circoscrizione di Lecce, Brindisi e Taranto e  fece parte della Commissione parlamentare Finanza e Tesoro.
Nelle elezioni successive  fu rieletto deputato nella stessa circoscrizione  e fece parte della Commissione Igiene e Sanità. Nel 1972 fu rieletto per la terza volta deputato della Repubblica e continuò a far parte della Commissione Igiene e Sanità.
E' morto a Roma il 4 marzo 1992 ed ora riposa nel cimitero di Latiano, paese a cui è rimasto sempre profondamente legato.
Ha donato la sua preziosa raccolta di riviste alla Biblioteca Civica di Latiano, mentre gli altri documenti sulla Resistenza in provincia di Pisa si trovano presso la Fondazione Fratelli Cervi.
Sulla figura di questo dirigente contadino puoi consultare: In ricordo di Armando Monasterio, Lecce, 1992.

 

:: Torna indietro :: Vai su ::

 

Mibac                        regione_puglia                          brindisi_provgif                              comune_latiano                             palazzoimperiali                              aib                            servizio_civile