• Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
  • Biblioteca Civica G. De Nitto - Latiano
   
home Accesso all'informazione Ordinamento interno

Chi è online

 33 visitatori online
Ordinamento interno PDF Stampa E-mail

1 Istituzione e finalità del servizio

2 Patrimonio, e gestione bilancio

3 Amministrazione, personale e organizzazione del lavoro

4 Ordinamento interno

5 Servizio al pubblico

6 Il diritto del cittadino nell'accesso dei servizi

7 Disposizioni di carattere generale

Titolo 4

ART.14
Registrazione dei libri
Tutti i volumi,gli opuscoli e i documenti su qualsiasi supporto che entrano in biblioteca debbono essere immediatamente annotati nel registro cronologico d’ingresso con la relativa annotazione del valore. Per quanto riguarda il materiale librario ogni opera avrà il proprio numero d’ingresso. Per le opere in più volumi un distinto numero d’ingresso sarà attribuito ad ogni volume. Per i periodici e per le opere che si pubblicano a dispense, il numero d’ingresso verrà assegnato al primo fascicolo di ogni annata.

 

ART. 15
Registro d’ingresso e cataloghI
Ogni biblioteca deve possedere:
  1. un registro cronologico d’ingresso;
  2. un catalogo alfabetico per autori delle opere moderne a stampa;
  3. un catalogo alfabetico per soggetti delle opere moderne a stampa;
  4. un catalogo sistematico per le raccolte di opere a stampa ordinato per classi;
  5. un inventario topografico generale del materiale librario e documentario;
  6. un catalogo generale alfabetico per i periodici.
ART.16
Registri vari
Oltre ai cataloghi indicati nell’art.15 la biblioteca deve curare le seguenti registrazioni in archivi informatici o registri appositi:
  1. delle opere in continuazione, delle collezioni e dei periodici;
  2. delle opere incomplete e difettose;
  3. dei duplicati;
  4. delle opere smarrite o sottratte;
  5. delle opere date a legare ;
  6. dei “desiderata” dagli utenti;
  7. del registro delle opere date in prestito;
  8. del registro di protocollo
ART. 17
Timbro o bollo
Ogni materiale librario e documentario deve recare un bollo col nome della biblioteca:
  1. nel verso del frontespizio;in mancanza del frontespizio sulla prima pagina;inoltre su una o più pagine convenute del volume o dell’opuscolo;
  2. nel verso di ciascuna tavola fuori testo di stampato o pagina miniata di stampato o manoscritto;
  3. nel recto del foglio isolato;
  4. nel cartellino unito all’oggetto facente parte di materiale non librario;il tipo,il colore, le dimensioni e la posizione del bollo debbono essere tali da non danneggiare l’estetica dell’oggetto o l’uso dell’oggetto;

 

ART.18
Schede per la catalogazione

Tutti i documenti, le pubblicazioni, i manoscritti, i supporti non cartacei, dopo essere stati annotati nel registro d’ingresso, debbono essere descritti con esattezza bibliografica negli archivi informatici e/o negli schedari cartacei.

Ogni descrizione deve riportare il numero progressivo del registro d’ingresso e la segnatura della collocazione.

ART. 19
Etichette
Tutti i volumi della biblioteca devono essere muniti di un’apposita etichetta autoadesiva, recante l’indicazione della collocazione che si applicherà sul dorso e sul piatto interno del libro.
 

Mibac                        regione_puglia                          brindisi_provgif                              comune_latiano                             palazzoimperiali                              aib                            servizio_civile